Manuela Marinacci - operatore di musicoterapia    

 
Negli ultimi anni è stata rilevata l'importanza del ruolo del musicoterapista all'interno di scuole, strutture sanitarie e socio-sanitarie, enti pubblici e privati.
Questo perché la musicoterapia è un'attività di supporto per la crescita, il miglioramento e il benessere dell'individuo. All'interno del settore scolastico, questo metodo ha un ruolo di grande aiuto per sviluppare e incrementare la capacità di apprendimento dell'alunno, l'attenzione e la concentrazione necessarie per lo studio, la socializzazione con i compagni e gli insegnanti, la lucidità e la prontezza nell'affrontare le prove a cui la vita (coerentemente all'età dell'individuo) lo sottopone, oltre che ad aumentare la propria autostima, elemento fondamentale per l'equilibrio e l'autorealizzazione.
Inoltre, con la presenza di soggetti portatori di handicap (sia fisico che mentale), la musicoterapia si rivela uno tra gli strumenti più efficaci per aiutare la persona a compensare il suo deficit, tramite attività che mirano all'inserimento all'interno di un programma didattico, oltre che all'inserimento nell'ambito del contesto scolastico.
Con adeguati esercizi che uniscono musica, gioco e movimento fisico, i bambini imparano le regole sociali, imparano ad avere maggiore consapevolezza del proprio corpo (in un'età in cui il corpo è in costante cambiamento), trovano un valido sostegno nell'apprendere i concetti insegnati a scuola e in più acquisiscono diverse abilità nella cura di sé e nella gestione del proprio tempo libero. L'obiettivo di questo corso non è quello di insegnare a suonare e cantare fine a se stesso.
Qui le attività musicali sono usate:
  • come rinforzo per ottenere o mantenere uno specifico comportamento
  • per strutturare e per veicolare la presentazione di materiale o competenze da apprendere
  • per stimolare la produzione e lo sviluppo di competenze e comportamenti di tipo sociale, motorio, percettivo e cognitivo
Vuoi sapere di più sui progetti? Contattami.


torna su